L’intelligenza è come la biancheria intima: devi averla, ma non sei tenuto a mostrarla a tutti.

You can have any review automatically translated. Click the Google Translate button (“Vertalen”), which can be found at the top right of the page. In the Contact Page, the button is in the right column. Select your language at the upper left.

 

Quale fan dell’opera non li ama? Molti li collezionano: foto di applausi, immagini di scena, copertine di CD, semplici foglietti autografati da grandi star dopo gli spettacoli, o talvolta durante gli intervalli. Vediamo la maestosa Edita Gruberova con gorgiera e parrucca rossa nel ruolo di Elisabetta I in Roberto Devereux, Leontyne Price non in costume, ma non meno maestosa con la sua stola di pelliccia. Anche Renata Tebaldi posa davanti ai fotografi in un abito lussuoso; la sua eterna rivale, Maria Callas non era certo da meno. Anche Placido Domingo e Luciano Pavarotti hanno sempre amato ricevere le ovazioni del pubblico, dopo le recite.

Davanti al sipario chiuso, indossnado ancora i loro mangifici costumi, hanno spesso ricevuto mazzi di fiori lanciati dei loro più grandi ammiratori. Le immagini dimostrano che l’applauso dopo lo spettacolo è sempre stato importante quanto lo spettacolo stesso, e può essere visto anche come termometro del successo di una serata d’opera.

Anche in tempi di regie moderne, quando la gorgiera lasciava il posto a un semplice abito da sera o il costume rococò a un completo nero, alcuni artisti riuscivano ancora a salvare musicalmente una serata, e per questo a ricevere la gratitudine del pubblico con l’applauso individuale.

Non è stato così, recentemente, a Berlino con la nuova produzione di Walküre di Stefan Herheim: il tenore che interpretava Siegmund, Brandon Jovanovich, è stato costretto a presentarsi al pubblico in biancheria intima a costine, bianca, ma macchiata di sangue. Al cantante non è stato nemmeno fornito un accappatoio per questo momento, come invece era accaduto in situazioni analoghe. La Deutsche Oper Berlin ha ufficialmente pubblicato le relative foto degli applausi sui suoi social media.

Una simile esibizione di cantanti in mutande durante gli applausi finali è nuova e degradante, anche se siamo da tempo abituati a tali “costumi” in un contesto scenico sul palco.

In futuro, i fan di Brandon Jovanovich lo aspetteranno all’uscita di scena dopo lo spettacolo per farsi autografare queste foto? Si può solo sperare che in questo caso il tenore si rifiuti di firmare. In una ristretta cerchia si dice che abbia già assicurato che non indosserebbe mai una canottiera a costine in privato …

Marco Ziegler
(tradotto da Marina Boagno)

07-10-2020

We like to get in touch with our readers. Comments and remarks are most welcome! (See below.)

0 0 votes
Article Rating
Marco Ziegler

REVIEWER

Marco Ziegler, based in Zürich, went to the opera from the age of 10 and has a keen eye and ear for the developments of the last few decades. Favourite genre: Italian Opera. Favourite operas: Aida, Don Carlo and La Forza del destino.

Subscribe
Notify of
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Willem
Willem
7 months ago

De tenor of sopraan kunnen zeggen:”deze keer niet”🎼🌷🌷🌷🌷🎼